Valerio Scanu è ritornato online con il video di “Ed Io”, il nuovo singolo in rotazione radiofonia e in digital download da venerdì 16 marzo.

A due anni di distanza da “Finalmente Piove” (12 febbraio 2016) Valerio ritorna al suo primo amore, la musica, con questa nuova e intensa ballata scritta da Tony Maiello (già autore per Giorgia, Laura Pausini, Francesco Renga) e Simonetta Spiri.

“Ed Io” è la possibilità di un legame spirituale e reciproco tra l’Onnipotente e la fragile creatura umana … Il dubbio che si staglia nell animo di ogni essere vivente, quello ancestrale dello spogliarsi della propria armatura per raggiungere e toccare le corde del divino, si risolve con l’immagine accecante di una cometa nel cielo: una stella più luminosa di tutte le altre perché fiera di portare in grembo l’Amore tra un Figlio e un Padre che si donano senza remore e limiti.

Con questa nuova canzone nata dal grande talento autorale di Simonetta Spiri e con la stupenda costruzione melodica di Tony Maiello, impresiosita da un perfetto arrangiamento orchestrale, Valerio Scanu ci presenta probabilmente, la più bella interpretazione della sua decennale carriera.

Il video che accompagna il brano è stato diretto da Fabrizio Cestari per Rockett.

In questi giorni inoltre, l’artista maddalenino ha presentato anche la sua seconda biografia dal titolo “Giuro di dire la verità – Dalla A alla Zia Mary” (Ultra Edizioni), in cui racconta in maniera diretta e incisiva la sua verità in ben 26 capitoli, tanti quante sono le lettere dell’alfabeto (britannico).

“Ed Io” – Testo (Lyrics) e Cover (Singolo)

Quante volte ho pensato di parlarti in tutti questi miei silenzi
E lo so che non hai il tempo di ascoltarmi, se sono l’ultimo tra i tuoi impegni
Ma mi piace immaginare che lassù c’è qualcuno che saprà capirmi
Anche quando mancheranno le parole e le paure si faranno avanti

Sono tante quelle cose che non ti ho mai detto e che mi porto dentro
Troppe da poterne sopportare ancora il peso mentre tocco il fondo

Ed io
Ma come ho fatto a non accorgermi che l’unico problema ero io
Che mi nascondo dentro al mio universo, come una stella appena nata che si sente persa
Dio, ma come fai a non capire che ogni singolo mio sbaglio è anche il tuo
E anche stanotte forse non hai tempo
Ed Io mi perdo ancora in questo cielo immenso

Ho lasciato la mia vita in tante storie, ho cercato di essere migliore
perché so quanto è difficile provare a non sentirsi mai un errore
Ma l’amore, l’amore che mi piega, l’amore che non ha difesa
Riesce sempre a superare le paure e a curare ogni mia ferita

Che in mezzo a questo cielo non importa mai a nessuno se non sei al centro
Ma anche la più piccola cometa quando cade sa lasciare il segno

Ed io
Ma come ho fatto a non accorgermi che l’unico problema ero Io
Che mi nascondo dentro al mio universo, come una stella appena nata che si sente persa
Dio, ma come fai a non capire che ogni singolo mio sbaglio è anche il tuo
E anche stanotte forse non hai tempo
Ed io mi perdo ancora in questo cielo immenso

Ed io che sono sempre io anche se il tempo cambia
Ed io che cerco il tuo sorriso in mezzo a questa nebbia
E passeranno gli anni, e passerà l’inverno
Mentre mi perdo ancora in questo cielo immenso
E ci ritroveremo in questo cielo immenso

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »