RECENSIONE

Grazie alla partecipazione a Sanremo 2019 e alla sua vittoria, Mahmood (Alessandro Mahmoud) è stato conosciuto da milioni di italiani.

Ogni artista aspetta quel momento che ti porta alla ribalta ed anche per Alessandro, dopo anni di studi, di gavetta alla Universal, la partecipazione ad un talent, quella a Sanremo 2016 come nuova proposta, diverse ed importanti collaborazioni come autore per altri artisti, quel momento è finalmente arrivato.

Il successo è scoppiato con “Soldi”, brano da lui scritto su produzione di Stardast (Dario Faini) e Charlie Charles che al Festival, contro ogni pronostico su carta, ha sbaragliato un’agguerrita concorrenza.

Esibizione dopo esibizione, questo brano così lontano dal classico filone sanremese ha conquistato il pubblico e la Giuria del Festival, trasformando Mahmood nel protagonista assoluto sul palco dell’Ariston.

Anche lontano dalla kermesse sanremese, il giovane cantautore milanese continua a macinare record e a primeggiare nelle classifiche singoli più ascoltati con “Soldi” e dei dischi più venduti con il suo album d’esordio “Gioventù Bruciata”.

Il disco prende il nome dal brano con cui Alessandro ha vinto Sanremo Giovani ed il diritto di partecipare com Big a Sanremo 2019, insieme ad Einar.

L’album “Gioventù Bruciata” conta su dieci tracce più una bonus track. Alcuni di questi brani erano già stati precedentemente rilasciati come singoli e poi raccolti in un EP, diventato poi con “Soldi” e altri inediti, l’album ufficiale.

Il sound proposto dal disco è un mix di generi musicali contemporanei come il Rap, la Trap e l’Elettronica e l’Urban Pop, su cui Alessandro fa scivolare il suo particolare timbro di voce e il suo stile molto R&B.

In conclusione, senza scendere ad analizzare ogni singolo brano, dico che “Gioventù Bruciata” si presenta come un ottimo biglietto da visita per Mahmood, un album che va ascoltato e gustato nell’attesa di un seguito che sicuramente confermerà la bravura di questo giovane artista.

DATI ALBUM

“GIOVENTU’ BRUCIATA” – TrackList, Testi e Cover

01. Soldi - (03:15)

[Strofa 1]
In periferia fa molto caldo
Mamma stai tranquilla, sto arrivando
Te la prenderai per un bugiardo
Ti sembrava amore ma era altro
Beve champagne sotto Ramadan
Alla TV danno Jackie Chan
Fuma narghilè, mi chiede come va

[Pre-Ritornello]
Mi chiede come va, come va, come va
Sai già come va, come va, come va
Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai
Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei
È difficile stare al mondo
Quando perdi l’orgoglio
Lasci casa in un giorno
Tu dimmi se

[Ritornello]
Pensavi solo ai soldi, soldi
Come se avessi avuto soldi, soldi
Dimmi se ti manco o te ne fotti, fotti
Mi chiedevi come va, come va, come va
Adesso come va, come va, come va

[Strofa 2]
Ciò che devi dire non l’hai detto
Tradire è una pallottola nel petto
Prendi tutta la tua carità
Menti a casa ma lo sai che lo sa
Su una sedia lei mi chiederà

[Pre-Ritornello]
Mi chiede come va, come va, come va
Sai già come va, come va, come va
Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai
Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei
È difficile stare al mondo
Quando perdi l’orgoglio
Ho capito in un secondo
Che tu da me

[Ritornello]
Volevi solo soldi, soldi
Come se avessi avuto soldi, soldi
Prima mi parlavi fino a tardi, tardi
Mi chiedevi come va, come va, come va
Adesso come va, come va, come va

[Bridge]
Waladi waladi habibi ta’aleena
Mi dicevi giocando, giocando con aria fiera
Waladi waladi habibi, sembrava vera
La voglia, la voglia di tornare come prima

[Pre-Ritornello]
Io da te non ho voluto soldi
È difficile stare al mondo
Quando perdi l’orgoglio
Lasci casa in un giorno
Tu dimmi se

[Ritornello]
Volevi solo soldi, soldi
Come se avessi avuto soldi, soldi
Lasci la città ma nessuno lo sa
Ieri eri qua, ora dove sei papà?
Mi chiedi come va, come va, come va
Sai già come va, come va, come va

02. Gioventù Bruciata - (03:17)

[Strofa 1]
Che ne sanno loro della violenza
Chiusa dentro quattro matrimoni
Dove chi ama paga e chi non ama ci ripensa

[Strofa 2]
Che ne sanno loro della Sfinge
Vista a otto anni con te
Ridevi, ridevi, ma mi hanno detto
Che a volte ridere è come fingere

[Pre-Ritornello]
Mettevi in macchina le tue canzoni arabe
E stonavi, poi mi raccontavi vecchie favole
Correvi nel deserto con lo zaino Invicta, ma
Non serve correre se oltre i soldi
Non hai più fiato, né felicità

[Ritornello]
C’è qualcosa che non capisco
Come fare un tuffo nel Mar Rosso
L’ho dimenticato troppo presto
Ma ricordo bene quando mi dicesti: “Resto”
Persi in una vita incasinata
Se ci pensi è meno complicata
Ripetevi sempre la stessa telefonata
“Maledetta questa vostra gioventù bruciata”, ah

[Strofa 3]
Che ne sanno loro delle partenze
Se gli addii fossero di moda
Forse saresti primo in tendenze

[Pre-Ritornello]
Giocavo in macchina con la Nintendo e i Pokémon
E ti lamentavi se io non volevo più parlare
Aprivi il finestrino per buttar la cenere
Non serve a niente nascondere con un sorriso
La merda che conosco già

[Ritornello]
C’è qualcosa che non capisco
Come fare un tuffo nel Mar Rosso
L’ho dimenticato troppo presto
Ma ricordo bene quando mi dicesti: “Resto”
Persi in una vita incasinata
Se ci pensi è meno complicata
Ripetevi sempre la stessa telefonata
“Maledetta questa vostra gioventù bruciata”, ah

03. Uramaki - (02:56)

[Strofa 1]
A cosa serve buttarsi via
Una domenica in China Town
Tua madre odia sentirti parlare
Dei tuoi nuovi amici, del tuo nuovo sound
A cosa serve la filosofia
Se ci scriviamo messaggi porno
Ancora prima del buongiorno

[Ritornello]
Potevamo amarci in un parcheggio
Quando mi hai augurato il peggio
Ridammi la poesia
Finisco un uramaki e vado via
Puoi tenere la felpa bianca e blu
Per Natale non parto più
Fumo nella cucina da mesi, ma
Non è colpa mia se sono fatto così
Fatto così, fatto così
Fatto così

[Strofa 2]
A cosa serve la batteria
Se in questa testa c’è casino sempre
Se sopra a un palco non mi vieni in mente
Se sotto la doccia canto di merda
E nessuno mi sente (ah)
E nessuno mi sente

[Ritornello]
Potevamo amarci in un parcheggio
Quando mi hai augurato il peggio
Ridammi la poesia
Finisco un uramaki e vado via
Puoi tenere la felpa bianca e blu
Per Natale non parto più
Fumo nella cucina da mesi, ma
Non è colpa mia se sono fatto così
Fatto così, fatto così
Fatto così

[Bridge]
Vorrei tornare in quel bar per bere con te
Ma servirebbe del talento per amare uno come me
Vorrei tornare a un anno fa per parlare con te
Ma servirebbe del talento per amare uno come me

[Ritornello]
Potevamo amarci in un parcheggio
Quando mi hai augurato il peggio
Ridammi la poesia
Finisco un uramaki e vado via
Puoi tenere la felpa bianca e blu
Per Natale non parto più
Fumo nella cucina da mesi, ma
Non è colpa mia se sono fatto così
Fatto così, fatto così
Fatto così, fatto così

04. Il Nilo Nel Naviglio - (03:07)

[Strofa 1]
Sento l’alba che mi sfiora dietro il collo sulla testa
Dentro questa maglia rosa non so darmi una risposta
Tu dici che è meglio se cambio maglia e carattere
Ma il tuo sorriso è la sola cosa che mi può fottere
Lascia stare, per ora non richiamare
Richiamare, richiamare, richiamare più
Tanto non fa male, fa male, fa male, fa male più

[Ritornello]
Resto qui e butto un’altra notte, cerco il Nilo nel Naviglio
Qua sono le sette, chiami in after, non rispondo
Fumando a bordo piscina
Dicevi: “Scappiamo in Cina”, ma
Dove vado se non ci sei tu più qui vicino
Se non c’è più il Nilo

[Strofa 2]
Dormo in macchina per cancellare l’alcol dalla testa
La maglia Lacoste è l’unica cosa che di te mi resta
Ma ora dimentichi i miei modi di fare da bambino
Quando la notte confondevamo sempre il Naviglio con il Nilo
Sono, ma non mi sento grande
Ti ricordi che sono di settembre, ma

[Ritornello]
Resto qui e butto un’altra notte, cerco il Nilo nel Naviglio
Qua sono le sette, chiami in after, non rispondo
Fumando a bordo piscina
Dicevi: “Scappiamo in Cina”, ma
Dove vado se non ci sei tu più qui vicino
Se non c’è più il Nilo

[Bridge]
Non chiamare, richiamare, richiamare, richiamare più
Tanto non fa male, fa male, fa male, fa male più
Sembra di affogare, affondare, affondare, andare giù
Qui dentro al fiume non voglio nuotare, nuotare più

[Ritornello]
Resto qui e butto un’altra notte, cerco il Nilo nel Naviglio
Qua sono le sette, chiami in after, non rispondo
Fumando a bordo piscina
Dicevi: “Scappiamo in Cina”, ma
Dove vado se non ci sei tu più qui vicino
Se non c’è più il Nilo
Se non c’è più il Nilo

[Outro]
Non chiamare, richiamare, richiamare, richiamare più
Tanto non fa male, fa male, fa male, fa male più
Sembra di affogare, affondare, affondare, andare giù
Qui dentro al fiume non voglio nuotare, nuotare più
Se non c’è più il Nilo

05. Anni 90 (feat. Fabri Fibra) - (03:17)

[Strofa 1: Mahmood]
Fammi a pezzi quanto vuoi
Come fossi l’erba quotidiana nel tuo grinder
Come il vecchio nigga Ike faceva Tina Turner
Come i sogni di un uomo distrutti da un lavoro killer
Io ti voglio bene, bene, ma non sono Denver
Questa camera ci ammazza tra bottiglie vuote e poster
Sputa, ruggisci, rovinati la vita con le tue paranoie

[Bridge: Mahmood]
Andare al cinema non ti va più bene
Ma quando parlo prendi solo ciò che ti conviene
Andare al cinema non ti va più bene
Sono stanco di ascoltare con questo odio nelle vene

[Ritornello: Mahmood]
Gli anni ’90 ci hanno fatto male
Siamo venuti da fuori città sognando l’America
Gli anni ’90 ci hanno fatto male
Cambiano i sogni con l’età ma
Non si cambia la realtà

[Strofa 2: Mahmood]
Fammi a pezzi quanto vuoi
Animale, animale, ora mi chiami così
Perché sono abituato a uscire il lunedì
Hai bruciato il terreno che avevo attorno
Ora non abbiamo né amici né soggiorno
Non mi chiedere perché
Ho scelto di vivere dentro questa periferia
La tua filosofia non è più la mia

[Bridge: Mahmood]
Andare al cinema non ti va più bene
Ma quando parlo prendi solo ciò che ti conviene
Andare al cinema non ti va più bene
Sono stanco di ascoltare con questo odio nelle vene

[Ritornello: Mahmood & Fabri Fibra]
Gli anni ’90 ci hanno fatto male
Siamo venuti da fuori città sognando l’America
Gli anni ’90 ci hanno fatto male
Cambiano i sogni con l’età ma (ah)
Non si cambia la realtà

[Strofa 3: Fabri Fibra]
(Ah)
Negli anni ’90 ascoltavo gangsta rap
Oggi molti di quei rapper sono cenere
Trovati un lavoro che ti faccia vivere bene
Ma quel posto di lavoro mica dura per sempre
Sto guardando una serie, è il finale di stagione
Frate’, nessuno va più al cinema, hai ragione
Il tempo passa per tutti, è un due di picche
Sono invecchiate anche le attrici di Twin Peaks

[Bridge: Mahmood]
Andare al cinema non ti va più bene
Ma quando parlo prendi solo ciò che ti conviene
Andare al cinema non ti va più bene
Sono stanco di ascoltare con questo odio nelle vene

06. Asia Occidente - (03:49)

[Strofa 1]
Vederti dal balcone mi fa male, lo so
Ma ricordati che
Non ho giurato che tornerò
Hai il vizio di parlare male di noi, di me
Di come preferivi il Campari ghiacciato all’ora del té
Salvami dalla moda che poi cambierà
Dall’amaro di questa vita
Da tutta la musica dimenticata

[Ritornello]
Mi chiamerai sotto casa
Quando tutti dormiranno
Con la voglia di fare lo stesso sbaglio, ma
Ora non ti assomiglio più
Mi chiamerai sotto casa
Farò finta di niente
Come sempre, come se
Io fossi l’Asia e tu l’Occidente
Fossi l’Asia e tu l’Occidente
Fossi l’Asia e tu l’Occidente

[Strofa 2]
Vederti per un’ora mi fa male, lo so
Sognavamo un inverno da film in hotel a Berlino
Tu pensi e ripensi a come sarebbe stato
Stai davanti alla scena più triste di un ricordo mai passato
Salvati dalla gente che ti chiederà
Del tabacco e dei soldi per pietà
Tu inizia a correre lontano da qua

[Ritornello]
Mi chiamerai sotto casa
Quando tutti dormiranno
Con la voglia di fare lo stesso sbaglio, ma
Ora non ti assomiglio più
Mi chiamerai sotto casa
Farò finta di niente
Come sempre, come se
Io fossi l’Asia e tu l’Occidente
Fossi l’Asia e tu l’Occidente
Fossi l’Asia e tu l’Occidente
Fossi l’Asia e tu l’Occidente
Fossi l’Asia e tu l’Occidente
E tu l’Occidente

[Bridge]
Oggi l’alba fatica a sorgere
Mentre la sigaretta si brucia di fretta fra le mani
E col tempo continua a cambiare opinione, panorami
Ma mi sembra stupido dirti: “Rimani”
Ma mi sembra stupido dirti: “Rimani”

[Ritornello]
Mi chiamerai sotto casa
Quando tutti dormiranno
Con la voglia di fare lo stesso sbaglio, ma
Ora non ti assomiglio più
Mi chiamerai sotto casa
Farò finta di niente
Come sempre, come se
Io fossi l’Asia e tu l’Occidente
Fossi l’Asia e tu l’Occidente
Fossi l’Asia e tu l’Occidente
Fossi l’Asia e tu l’Occidente
E tu l’Occidente, e tu l’Occidente

07. Remo - (03:08)

[Strofa 1]
Ho dato troppo tutto insieme
Ma poi chi me l’ha fatto fare?
Sembrava amore, giuro
Ma non è amore se non riconosci il mio profumo
Non voglio più guardare indietro
Nel tuo labirinto di vetro
Io ci sbattevo la faccia
Tra un abbraccio e una parolaccia

[Pre-Ritornello]
Ti ho dato addosso senza senso
Come posso già da adesso
Odiare me stesso se
Conosci bene il mio carattere
Tu lo sai, non confesso
Ciò che fai né ciò che penso, ma
Le tue parole qui
Fanno acqua da tutte le parti

[Ritornello]
In questo mare io
Remo, remo, remo
Dove si va?
Prego, prego, prego
Pure ad Allah
Cado, non annego
Sì, sono qua
In questo mare io
Remo, remo, remo
Dove si va?
Prego, prego, prego
Pure ad Allah
Cado, non annego
Sì, sono qua
Ma le mie braccia non ce la fanno più

[Strofa 2]
Sembrava facile toccare
Quei discorsi a colazione
Sull’affitto da pagare
Sul lavoro mio che non sai accettare

[Pre-Ritornello]
Tu lo sai, non confesso
Ciò che fai né ciò che penso, ma
Le tue parole qui
Fanno acqua da tutte le parti

[Ritornello]
In questo mare io
Remo, remo, remo
Dove si va?
Prego, prego, prego
Pure ad Allah
Cado, non annego
Sì, sono qua
In questo mare io
Remo, remo, remo
Dove si va?
Prego, prego, prego
Pure ad Allah
Cado, non annego
Sì, sono qua
Ma le mie braccia non ce la fanno più

[Bridge]
È tardi ormai
Per ricucire le cazzate fatte
Per tuffarsi qui nella mente
Non sono il tipo che dico di essere
Tu più che nuotare ami più fingere
Ora prova a dimenticare
Tanto ho smesso di remare

[Outro]
Tanto ho smesso di remare
Tanto ho smesso di remare
Tanto ho smesso di remare
Tanto ho smesso di remare
Tanto ho smesso di remare
Tanto ho smesso di remare
Tanto ho smesso di remare
Tanto ho smesso

08. Milano Good Vibes - (02:58)

[Intro]
Good vibes
Good vibes

[Strofa 1]
Su una spiaggia cubana sarei più felice
Un po’ meno insensibile
Dove il fine settimana e la lontananza
Diventa abitudine
Cancellare il tempo non basterà
Se confondi l’aspirina con la felicità
Questa spiaggia sarà la mia medicina

[Ritornello]
Continuo a fissare il mio riflesso
Con lo sguardo di un samurai
Sentirsi uno schifo non ha senso
Se a pagare sono sempre i tuoi
Milano sei un bellissimo deserto
Dammi solo un po’ di good vibes
Solo good vibes, solo good vibes, eh

[Strofa 2]
Su una spiaggia cubana tra fumo e Havana
Soffrire è difficile
Sentirsi più ricchi dentro è la giusta attitudine
Diamo troppo importanza alla realtà
Le cazzate sull’orgoglio e la lealtà
Questa spiaggia è la mia città
Sono l’unico che ci abita

[Ritornello]
Continuo a fissare il mio riflesso
Con lo sguardo di un samurai
Sentirsi uno schifo non ha senso
Se a pagare sono sempre i tuoi
Milano sei un bellissimo deserto
Dammi solo un po’ di good vibes
Solo good vibes, solo good vibes, eh
Solo good vibes, solo good vibes
Tour vibes, solo good vibes, solo good vibes, eh

[Bridge]
Togliamoci lo stress per la cattiveria che regaliamo
Giudicare il prossimo non ti rende un saggio, né un sultano
Sopravviviamo in una città arida dal mattino
Ma che sopravvivi a fare se vivere è un casino

[Ritornello]
Continuo a fissare il mio riflesso
Con lo sguardo di un samurai
Sentirsi uno schifo non ha senso
Se a pagare sono sempre i tuoi
Milano sei un bellissimo deserto
Dammi solo un po’ di good vibes
Solo good vibes, solo good vibes, eh
Solo good vibes, solo good vibes
Tour vibes, solo good vibes, solo good vibes, eh

[Outro]
Riprenditi le cose che hai lasciato, abbandonato
Con un goodbye
Oggi voglio stare solo con un po’ di sale
E le mie good vibes
Riprenditi le cose che hai lasciato, abbandonato
Con un goodbye
Oggi voglio stare solo con un po’ di sale
E le mie good vibes

09. Sabbie Mobili - (03:10)

[Strofa 1]
Erano le sei di mattina, però
Sbronzi con gli occhi pieni di sonno
Fumavamo giorno dopo giorno
Ma più ti guardo, più non me lo ricordo
Sdraiato in hotel, accendo la tele
Si son fatte le tre, chissà se stai bene
Se vuoi passa da me, in camera a bere
Sarò insensibile, ma non cambio per te

[Pre-ritornello]
Oggi la mia bocca sa di ciò che non bevo
Come la Coca che ho lasciato lì
In quel bar a Napoli

[Ritornello]
Vado lento lento ma
Vorrei correre come un giaguaro
Di sogni ne avevo cento fa
Tu seduto dal kebbabaro
Mi chiedi cosa faccio
Scrivo a casa, non rubo, non spaccio
Più ti penso qui
Più cado in sabbie mobili

[Strofa 2]
Era forse mattina, non so
Forse notte fonda o c’era l’alba
Ti pensavo perdendo la calma
Stare senza te è come stare al campetto senza palla
Se vieni qui, mi faccio un giro di Tanqueray
Nel tuo futuro ricordati come si stava
Seduti in macchina, felici, immobili

[Pre-ritornello]
Oggi la mia bocca sa di ciò che non bevo
Come la Coca che ho lasciato lì
In quel bar a Napoli

[Ritornello]
Vado lento lento, ma
Vorrei correre come un giaguaro
Di sogni ne avevo cento fa
Tu seduto dal kebbabaro
Mi chiedi cosa faccio
Scrivo a casa, non rubo, non spaccio
Più ti penso qui
Più cado in sabbie mobili

[Outro]
Vado lento lento, ma
Vorrei correre come un giaguaro
Di sogni ne avevo cento fa
Qui seduto dal kebbabaro
Mi chiedi cosa faccio
Scrivo a casa, non rubo, non spaccio
Più ti penso qui
Più cado in sabbie mobili

10. Mai Figlio Unico - (02:58)

[Strofa 1]
Oggi taglierò i capelli da Mustafà
Sono di Milano Sud, ma sembra l’Africa
Sul tram non ascolterò né l’indie né Rihanna
Che cosa sarai tu, la pace è il mio dilemma
Sì, lo so, ho una faccia da schiaffi
Sono i tratti orientali, dimmi che posso farci
Tornare a piedi a casa non è molto cool, ma
Non per uno come me che veste vecchie Puma

[Pre-Ritornello]
Ho una sorella e un fratello
Dall’altra parte del mondo
Forse di me, forse di te manco lo sanno
Ho tanti amici, lo ammetto è una ricerca d’affetto
Forse di me, forse di te si scorderanno

[Ritornello]
Scusami se non so dove andare
Non torno perché
La stella polare mi porta in giro
Mia madre ha soltanto me
Ma non sarò mai figlio unico
Scusami se ti fa stare male
Sentire di me o questa canzone in un karaoke
Mi sento un po’ come se avessi preso
Il lato peggiore di te

[Strofa 2]
Oggi taglierò i capelli da Mustafà
Ma se poi vai a ballare io resto qua
Dal soffitto alla moquette
Lontano dal peggior bar di Caracas
Ti butti giù e ti sembra di stare a Las Vegas

[Pre-Ritornello]
Ho una sorella e un fratello
Dall’altra parte del mondo
Ma io sto bene così
Tanto non ci penso, tanto non ho tempo
Per capire meglio quante cose ho perso

[Ritornello]
Scusami se non so dove andare
Non torno perché
La stella polare mi porta in giro
Mia madre ha soltanto me
Ma non sarò mai figlio unico
Scusami se ti fa stare male
Sentire di me o questa canzone in un karaoke
Mi sento un po’ come se avessi preso
Il lato peggiore di te

[Outro]
Il lato peggiore di te
Il lato peggiore di te
Mia madre ha solo me
Non sarò mai figlio unico

11. Soldi (feat. Guè Pequeno) - (03:06)

[Strofa 1: Mahmood]
In periferia fa molto caldo
Mamma stai tranquilla, sto arrivando
Te la prenderai per un bugiardo
Ti sembrava amore ma era altro
Beve champagne sotto Ramadan
Alla TV danno Jackie Chan
Fuma narghilè, mi chiede come va

[Pre-Ritornello: Mahmood]
Mi chiede come va, come va, come va
Sai già come va, come va, come va
Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai
Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei
È difficile stare al mondo
Quando perdi l’orgoglio
Lasci casa in un giorno
Tu dimmi se

[Ritornello: Mahmood]
Pensavi solo ai soldi, soldi
Come se avessi avuto soldi, soldi
Dimmi se ti manco o te ne fotti, fotti
Mi chiedevi come va, come va, come va
Adesso come va, come va, come va

[Strofa 2: Guè Pequeno]
G-U-È
Sono così vero se parlo di cash
Che penserai che ‘sto pezzo davvero è su di te
Volando in alto dovevo aspettarmi turbolenza
In confidenza, perdita di coscienza
Ti ho conosciuta a Soho
Sei andata dritto al sodo, dritto al soldo
Adesso piango su una Rolls Royce
Dicevi: “Ti accontenti se tieni lo sguardo giù”
La strada non mi basta più
Ho messo ghiaccio addosso, igloo
A me non mi hanno mai cambiato, li ho cambiati io
Ma ti confesso che mi manchi tu e mi manca un Dio
Negli occhi ho luci fluo, ma dentro sento frio
Ho preferito pagarti che dirti in faccia: “Addio”

[Ritornello: Mahmood]
Volevi solo soldi, soldi
Come se avessi avuto soldi, soldi
Prima mi parlavi fino a tardi, tardi
Mi chiedevi come va, come va, come va
Adesso come va, come va, come va

[Bridge: Mahmood]
Waladi waladi habibi ta’aleena
Mi dicevi giocando, giocando con aria fiera
Waladi waladi habibi, sembrava vera
La voglia, la voglia di tornare come prima

[Pre-Ritornello: Mahmood]
Io da te non ho voluto soldi
È difficile stare al mondo
Quando perdi l’orgoglio
Lasci casa in un giorno
Tu dimmi se

[Ritornello: Mahmood]
Volevi solo soldi, soldi
Come se avessi avuto soldi, soldi
Lasci la città ma nessuno lo sa
Ieri eri qua, ora dove sei papà?
Mi chiedi come va, come va, come va
Sai già come va, come va, come va

Gioventù Bruciata - Mahmood (Cover)

Label: Universal Music Italy

Released: 22 febbraio 2019

Artwork: Mecna

A proposito dell'autore

Avatar

Musicante a metà. Sono nato sulla Terra in Italia ma, adesso vivo sulla Luna. In compagnia della mia radio, osservo, ascolto e seguo tutto quello che accade nel mondo della Musica. Quelli che vivono di questa meravigliosa arte, sono davvero tanti e seguirli tutti è davvero un’ardua impresa. A chiunque canti o suoni, a chiunque abbia inciso un nuovo disco o realizzato un video, sappi che appena possibile, parlerò anche di te! Parola di Tony Musicali

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »